fbpx

Umbria Jazz è il più grande evento di musica jazz in Italia. Si tratta di 10 giorni in cui la città di Perugia si trasforma completamente. Artisti da tutto il mondo arrivano per far si che la magia abbia inizio!

Umbria Jazz si terrà dal 12 al 21 luglio 2019 e si presenta con duecentottanta eventi, per la maggior parte gratuiti; dodici diverse location, dai grandi spazi dell’Arena Santa Giuliana e Piazza IV Novembre al club di Via della Viola; una novantina di band in cartellone con centinaia di musicisti. Tanta musica, dunque, ma anche seminari di formazione, un concorso per nuovi talenti, iniziative e laboratori per i bambini, enogastronomia, una mostra fotografica in Galleria, lezioni di ballo swing, dj set.

Umbria Jazz 2019

Se hai bisogno di chiedere cos’è il jazz,
non lo saprai mai.

Louis Armstrong

Tra le location torna San Francesco al Prato. L’ultima volta che ospitò concerti fu nel 1997. Finalmente dopo una lunga opera di restauro San Francesco al Prato è stata riaperta al pubblico e anche ai concerti di Umbria Jazz.

Del tutto nuova invece la location in Via della Viola, Il Club, aperto fino a tardi, che ospiterà sessioni di jam session, lezioni di ballo swing e dj set pomeridiani.

Gli altri eventi si terranno nelle location già note ai fan di Umbria Jazz come l’Arena Santa Giuliana, Teatro Morlacchi, la Sala Podiani, Piazza IV Novembre, i Giardini Carducci.

Il Festival verrà inaugurato giovedì 11 luglio in Piazza IV Novembre alle ore 21: sul palco Brio e Wee Willie Walker & Anthony Paule Soul Orchestra.

San Francesco al Prato ospiterà un solo concerto quello di venerdì 19 luglio: Uri Caine feat Mark Helias and Clarence Penn con Umbria Jazz Orchestra e Orchestra da Camera di Perugia. Il concerto, come vuole la tradizione, avrà inizio a mezzanotte.

Al Santa Giuliana si alterneranno: Robben Ford Band, Max Gazzè Alex Britti Manu Katché e Flavio Boltro, DIana Krall, The Allan Harris Band, Paolo Conte, George Benson, Michel Camilo, Chick Corea & The Spanish Heart Band, Richard Bona’s Bona de La Frontera feat Antonio Rey, Nick Mason’s Saucerful of Sevrets, Nik West, Kink Crimson, Snark Puppy, Kamasi Washington, Thom Yorke,  Ms. Lauryn Hill, Christian McBride.

Al Morlacchi: Gino Paoli con Danilo Rea, Rita Marcotulli, Ares Tavolazzi. Alfredo Golino e Orchestra da camera di Perugia, New Talents Jazz Orchestra, B.A.M, The Messenger Legacy, Rosario Giuliani Quartet con Alessandro Lanzoni, Luca Fattorini, Fabrizio Sferra, Terence Blanchard feat the E-Collective, Rosario Bonaccorso Quintet con Stefano Di Battista, Marquis Hill Blacktet, Enrico Rava special edition, Charles Lloyd, Roberto Gatto Quartet, Dianne Reeves, Fabrizio Fresu & Lars Danielsson, Peter Erkine, Eddie Gomez, Dado Moroni, Mauro Ottolini & Fabrizio Bosso, Joel Ross.

Alla Galleria nazionale dell’Umbria: Joachim Kuhn, Gianluigi Trovesi e Gianni Coscia, Gabriele Mirabassi, Roberto Taufic e Cristina Renzetti, Fred Hersch Trio, Fabrizio Bosso e Julian Oliver Mazzariello, Dino Rubino on Jazz Trio, Kenny Baron, Benny Green, Raffaele Casarano e Eric Legnini, Enrico Zanisi. Giovanni Guidi, Eu te amo con Daniele di Bonaventura e Giovanni Ceccarelli, Mauro Ottolini, John Patitucci.

In Piazza IV Novembre e Giardini Carducci: Con Brio, Funk Off, The Allan Harris Band, Ray Gelato and the Giants, Claudio Jr. De Rosa Quartet, Accordi Disaccordi, Adrien Brandeis, Micheal Supnick, Wee WIllie Walker & Anthony Paule Soul Orchestra, Bobby Broom Organi-sation, Ryo miyachi Quintet, Pete Muller.

UJ4KIDS

Umbria Jazz, con la Regione Umbria e l’Istituto Comprensivo 2 Montessori/Ciabatti di Perugia ha realizzato di una sezione del festival estivo interamente dedicata ai bambini. Si tratta di laboratori ed intrattenimento, ogni giorno, due appuntamenti con educatori e musicisti per cominciare a conoscere il fascino del jazz.

UMBRIA JAZZ: “SALVIAMO IL PIANETA!”

Umbria Jazz si schiera a fianco di chi ha a cuore la salute della Terra e vuole contribuire a difendere l’ambiente da inquinamento e cambiamenti climatici. Un appello in tale direzione sarà lanciato dal palco dell’arena Santa Giuliana, prima del concerto di Thom Yorke, il 20 luglio, da padre Enzo Fortunato, della rivista San Francesco dei frati di Assisi, ed un rappresentante di Greenpeace.

La scelta della data non è casuale: Yorke, artista sensibile ai temi della contemporaneità, si è molto impegnato a sostegno delle organizzazioni ambientaliste per la salvezza del Pianeta.

Per Umbria Jazz non si tratta di una iniziativa destinata a restare isolata. Questo tema sarà un filo conduttore del festival nei prossimi anni e accompagnerà Umbria Jazz verso l’edizione che nel 2023 segnerà il mezzo secolo di vita della manifestazione. Con un duplice intento: da un lato, adottare buone pratiche in materia di sostenibilità ambientale, tema che il festival ha già intrapreso da tempo; dall’altro, aprire all’interno del festival e con il suo pubblico uno spazio di riflessione e sensibilizzazione. La buona musica, ed in particolare il jazz, non è mai isolata dal mondo e dai suoi problemi. Anzi, li recepisce e se ne fa carico.

Durante il tuo soggiorno in Umbria per Umbria Jazz oltre al divertimento scegli un po’ di relax. Ti consigliamo a pochi chilometri da Perugia Posta Donini Biowellness SPA in alternativa scopri le offerte last minute di Bella Uve Vinotherapy SPA a Torgiano.

Umbria Jazz 2019

Scarica il Programma di Umbria Jazz

Scritto da: Lucia